Modem libero: Tiscali anticipa i tempi, mentre Fastweb e Vodafone fanno ricorso al TAR


L’AGCOM ha rinviato ancora una volta (a gennaio 2019) l’attuazione della delibera sul modem libero, ovvero la facoltà degli utenti di accedere a internet utilizzando un modem di propria scelta, abbandonando quello fornito dal gestore.

Modem Libero UE

Non tutti sanno che quella del modem libero è una direttiva europea del 2015 che l’Italia tarda a recepire (in Germania, ad esempio, è realtà già dal 2016).

Sì, perché spesso si sente parlare di Europa e istituzioni europee solo a fronte di lamentele del politico di turno, ma non molti sanno che sul fronte della difesa del consumatore molto è stato fatto negli anni.

Il Regolamento UE 2015/2120 del Parlamento Europeo stabilisce misure riguardanti l’accesso a un’Internet aperta, dove tutti i cittadini europei dovrebbero avere accesso ad un internet senza limitazioni, senza vincoli sulla scelta del modem e accedere a informazioni e contenuti senza discriminazioni.

Ecco uno dei punti chiave (qui il documento integrale):

Quando accedono a Internet, gli utenti finali dovrebbero essere liberi di scegliere tra vari tipi di apparecchiature terminali, quali definite nella direttiva 2008/63/CE della Commissione.

I fornitori di servizi di accesso a Internet non dovrebbero imporre restrizioni all’utilizzo di apparecchiature terminali che collegano alla rete oltre a quelle imposte dai fabbricanti o dai distributori di apparecchiature terminali conformemente al diritto dell’Unione.

Ricorsi al Tar

I consumatori italiani hanno aspettato per anni l’attuazione del regolamento europeo e adesso, dopo i tanti ritardi e rinvii, arrivano anche i primi ricorsi, quelli di due operatori telefonici (Vodafone e Fastweb), che proprio non ne vogliono sapere di lasciare ai propri clienti la libertà di scegliere il modem che vogliono.

Tiscali anticipa i tempi

Per fortuna c’è anche chi ha scelto di muoversi in tutt’altra direzione, come Tiscali, che ha deciso di dare la possibilità ai suoi clienti di scegliere il modem di proprio gradimento, implementando una nuova sezione del sito web ufficiale con alcuni modelli certificati per la sua rete.

A dire il vero, da sempre l’operatore consente di utilizzare modem terzi per la parte dati, ma da oggi l’apertura è totale, con la possibilità di avere supporto anche per la configurazione di eventuali linee Voip attive.

Accedendo alla pagina di supporto Tiscali, vengono segnalati i principali modem certificati, ovvero quelli già testati da Tiscali e su cui i clienti possono andare sul sicuro.

In questo momento, i primi modem certificati che hanno fatto la loro comparsa sul sito ufficiale Tiscali sono: il Fritz!Box 7590, il Fritz!Box 7530 e il Fritz!Box 7490.

Modem certificati TiscaliPer i modem citati (abilitati per servizi ADSL e VDSL fino a 300 Mbit/s) basterà selezionare dall’apposito menù a tendina la voce Tiscali ADSL o Tiscali VDSL e i dati di accesso del proprio abbonamento (nulla più), mentre per la configurazione della telefonia Voip, sarà necessario contattare l’assistenza clienti al 130.

La lista dei modem certificati verrà implementata nel tempo, ma se già avete una alternativa a quello fornito da Tiscali, potete tranquillamente configurarlo con l’aiuto del supporto fornito del provider, sia per la parte dati che per quella voce.

Non possiamo che complimentarci con Tiscali per questa scelta, per un volta, tutta a vantaggio del cliente.


Non perderti le notizie e le novità pubblicate su Telefonia.Today, attiva le nostre notifiche gratuite su Telegram e seguici (o condividi questo articolo) su Facebook, Twitter e Google+

8 Risposte

  1. Fulvio ha detto:

    Il modem fornito da Tiscali è provvisto di tasto per la connessione WPS?

  2. Antonio ha detto:

    Io sono un felice possessore da anni del servizio ADSL Tiscali. Attualmente ho una 20 mbs che mi rende tra i 14 e 18 mb/s. Poprio oggi ho deciso di cambiare e passare alla UltraFibra, anche se me ne arriveranno massimo 200. Poi a Luglio/Agosto 2019 prenderò in considerazione, se gia raggiunto, di farmi upgradare alla Gigabit, però effettivamente ricollegandomi al discorso di cui sopra, in fase di registrazione vocale del contratto, la tipa mi confermava che questo tipo di VDSL spura (FFTC Rame/Fibra) deve essere utilizzato solo con il loro modem e credo anche di capire il perchè. Ho un laboratorio di informatica e giorni fà testando un altro modem sulla mia linea, sono andato sulla My Tiscali page per cercare di velocizzare la connessione che era scesa a 14 mb/s e quando ho premuto sulla funzione, mi è venuto fuori che potevo utilizzarla solo con un modem Tiscali. Ad ogni modo un proprio modem si può utilizzare, ma poi la parte della fonia non è possibile configurarla per due motivi: i modem in commercio non hanno il supporto al metodo di connettività voce che Tiscali usa e che non è un VoIP ed inoltre Tiscali non rilascia le credenziali e i parametri “SIP” per configurare un nuovo modem. Io ho un Fritz Box inutilizzato proprio per quello che ho appena scritto. Con Eutelia lo usavo tranquillamente mentre ora sono costretto ad usare questa ciofeca di Technicolor. Saluti a tutti.

    • La Redazione ha detto:

      Tiscali sta rilasciando pian piano le guide ai modem certificati (si parte proprio dai FritzBox), dove potrai usare sia la parte dati che fonia. E’ solo questione di tempo e appena sarà operativa la direttiva AGCOM, cambieranno molte cose.

  3. Vincenzo Di Gennaro ha detto:

    anche io ho provato e non è possibile!

  4. Mario Lino ha detto:

    Come la mettiamo con la connessione senza fili 4.5G?
    Ci sono modem/antenne alternative a quelli forniti?

  5. Alberto Secco (@albitobi) ha detto:

    Non è vero che Tiscali ha gia recepito la nuova normativa: ai clienti con abbonamento FTTH (quindi fibra fino in casa) non sono stati forniti i parametri per poter utilizzare un proprio modem. La normativa impone la libertà di utilizzare il modem di proprietà per tutti gli utenti, non solo vdsl e adsl.

    • Pierpaolo ha detto:

      Gliel’hai chiesto? Hai chiamato il Servizio Clienti ? Ma soprattutto… sai che al momento in commercio non si trova un modem per la fibra Gigabit nemmeno a pagarlo oro?

Dicci la tua o Rispondi ad un commento...