Stop alla fatturazione a 28 giorni: via libera all’emendamento. Operatori dovranno adeguarsi


Via libera in Commissione Bilancio del Senato all’emendamento al Dl Fiscale che ripristina l’obbligo di fatturazione mensile per le per le imprese telefoniche, tv e servizi di comunicazione elettronica.

Gli operatori che non si adeguano entro 120 giorni alle nuove scadenze, continuando ad applicare la fatturazione a 28 giorni, dovranno rimborsare i clienti con un indennizzo di 50 euro.

Importo maggiorato di un euro “per ogni giorno successivo alla scadenza del termine assegnato dall’Autorità per le garanzie nelle comunicazioni”.

Nell’emendamento si legge quello che è il punto fondamentale:

Il periodo mensile o i suoi multipli costituisce standard minimo nelle condizioni generali di contratto e nella Carta dei servizi.

Una volta entrata in vigore la legge gli operatori avranno 120 giorni per adeguarsi e dovranno garantire “informazioni chiare e trasparenti sulle offerte”.

Novità anche per i gestori telefonici che vendono servizi in fibra ottica che dovranno specificare “se la fibra arriva al domicilio o solo alla centrale”. Per fare un esempio pratico, i gestori che sfruttano la rete di Open Fiber, dovranno specificare che l’offerta prevede collegamenti in fibra ottica fino a casa (Fiber To The Home), mentre TIM la FTTC (Fiber To The Cabinet).

Finalmente per i consumatori finirà il regalo di quella che ormai era nota come “tredicesima” degli operatori.


Rimani sempre aggiornato con Telefonia.Today, ora anche su Telegram! Seguici su Facebook, Twitter e Google+ e condividi questo articolo sui tuoi canali social preferiti!