Swisscom: nel primo semestre in calo la telefonia fissa. Fatturato stabile


Nel primo semestre 2017 il fatturato netto Swisscom, pari a 5.690 milioni di Franchi, si è praticamente collocato sui livelli dell’anno precedente. La cifra d’affari conseguita con i servizi di telecomunicazione in Svizzera è leggermente in calo. A fronte dell’accesa concorrenza e della maggiore saturazione del mercato, tale fatturato è diminuito di 76 milioni di Franchi (-2,3%).

Circa la metà della contrazione è ascrivibile alla diminuzione del numero di utenti accusata nella telefonia di rete fissa. Per contro, l’EBITDA è aumentato di 33 milioni di Franchi (+1,5%) a 2.260 milioni, grazie soprattutto anche a Fastweb (+20,3%).

L’EBITDA di Fastweb comprende indennizzi derivanti da procedimenti legali per un ammontare di 102 milioni di CHF. L’utile netto Swisscom è salito di 51 milioni di CHF (+6,5%) a 839 milioni di CHF rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente.

Per il 2017 Swisscom prevede un fatturato netto invariato, pari a circa 11,6 miliardi di Franchi e investimenti per circa 2,4 miliardi. Per quanto riguarda l’EBITDA, la stima è stata innalzata da circa 4,2 miliardi di Franchi a circa 4,3 miliardi a seguito degli indennizzi derivanti da procedimenti legali di Fastweb registrati nel secondo trimestre.

Se gli obiettivi saranno raggiunti, Swisscom intende proporre all’Assemblea generale 2018 un dividendo invariato di 22 Franchi per azione per l’esercizio 2017. Swisscom ridurrà di oltre 300 milioni di Franchi la sua base di costi in Svizzera tra il 2015 e il 2020.

Nel primo semestre l’organico del Gruppo è regredito dell’1,7% raggiungendo quota 20.775 dipendenti. A fine giugno Swisscom contava in Svizzera un organico di 17.974 unità, ossia 398 posti (-2,2%) in meno rispetto alla fine del 2016.

Oltre la metà della riduzione è stata gestita con la fluttuazione naturale e il collocamento professionale interno. Nell’estate 2017, 222 apprendisti hanno terminato il loro apprendistato in Swisscom. In agosto 278 giovani hanno iniziato il loro apprendistato professionale in Swisscom, prevalentemente nelle professioni commercio al dettaglio, mediamatica, informatica e impiegati di commercio.

A seguito delle posticipazioni nell’estensione della rete, gli investimenti a livello di Gruppo sono diminuiti dell’11,4%, pur collocandosi sempre a un livello elevato pari a 1.057 milioni di Franchi. A fine giugno, oltre 2,7 milioni di collegamenti sono stati dotati delle più avanzate tecnologie a fibra ottica. Nel complesso, Swisscom ha allacciato circa 3,7 milioni di abitazioni e superfici commerciali alla banda ultralarga (oltre 50 Mbit/s). Entro il 2021 Swisscom porterà le tecnologie a fibra ottica in tutti i comuni svizzeri per collegare alla banda ultralarga anche le località più isolate.

Procede secondo i piani anche la digitalizzazione della rete fissa (tecnologia All IP), una soluzione all’avanguardia. Già oggi oltre 1,7 milioni di clienti, ossia tre quarti di tutti i collegamenti, possono usufruire della qualità vocale HD, di liste di blocco personali, della visualizzazione del nome e del filtro spam automatico per bloccare le chiamate pubblicitarie indesiderate.

Ogni mese, si aggiungono fino a 40.000 collegamenti ulteriori. Da inizio 2018 nelle maggiori regioni della Svizzera si perfezionerà il passaggio di tutti gli allacciamenti dei clienti a IP, cosicché si potrà procedere allo smantellamento della vecchia infrastruttura.

Swisscom sta compiendo un salto tecnologico anche nella rete di telefonia mobile. Nel secondo trimestre Swisscom ha presentato nel Füsslishop di Zurigo smartphone attivi con oltre 800 Mbit/s sulla rete 4G di Swisscom. Swisscom è pertanto avviata verso 1 Gbit/s nella rete di telefonia mobile e quest’anno intende equipaggiare altre sedi con la tecnologia veloce.

Tutti i clienti Swisscom beneficiano di una maggiore capacità nella rete. Il fabbisogno è enorme, poiché l’utilizzo dei dati mobile raddoppia ogni anno. Presumibilmente entro il 2020, Swisscom integrerà nella propria rete la comunicazione mobile di quinta generazione (5G). Oltre a un netto aumento della velocità di trasmissione e a tempi di reazione estremamente brevi, la 5G garantirà ancora maggiore affidabilità e stabilità.

In aprile Swisscom ha semplificato radicalmente i suoi piani tariffari. inOne offre Internet, TV, telefono fisso e mobile in un pacchetto che i clienti possono allestire in modo del tutto individuale. A fine giugno, quindi solo tre mesi dopo l’introduzione, oltre 450.000 clienti con oltre 920.000 collegamenti hanno optato per inOne e quindi potenziato ulteriormente la domanda di offerte combinate.

A fine giugno 2017 i clienti titolari di un’offerta combinata erano circa 1,78 milioni, il che equivale a una crescita di 269.000 unità (+17,8%) rispetto all’anno precedente. Il fatturato realizzato con i contratti relativi a offerte combinate è progredito di 157 milioni di Franchi (+12,9%) raggiungendo i 1.370 milioni.

Con inOne, Swisscom è inoltre riuscita a stabilizzare l’andamento al ribasso osservato nei collegamenti a banda larga nel secondo trimestre. Nella telefonia mobile, Swisscom ha registrato un aumento dell’effettivo di clienti nei collegamenti Postpaid (+19.000 nel primo semestre). La tendenza al ribasso nella telefonia di rete fissa prosegue e la flessione (-12,3% su 2,2 milioni di collegamenti) è più pronunciata del previsto.

Il volume di roaming dei clienti di telefonia mobile continua a crescere, sostenuto dalle riduzioni dei prezzo e dalle prestazioni incluse negli abbonamenti di telefonia mobile. La maggior parte dei clienti di Swisscom utilizza lo smartphone in Europa come a casa, poiché non sono più applicati costi aggiuntivi.

Nel primo semestre 2017 il traffico di dati al di fuori della Svizzera è aumentato dell’89% rispetto all’anno precedente, il traffico vocale del 7%. Swisscom presuppone che l’adeguamento dei prezzi e le prestazioni incluse incideranno sul risultato 2017 nella misura di circa 50 milioni di Franchi.

La concorrenza con fornitori di reti via cavo e altri provider si è intensificata. Swisscom TV continua però a godere di grande popolarità. In un anno il numero dei collegamenti Swisscom TV è salito di 96.000 unità (+7,1%) a quota 1,45 milioni (+9.000 nel secondo trimestre). Swisscom e Teleclub continuano a perfezionare l’attrattiva della loro offerta, anche in ambito sportivo.

Il fatturato realizzato con i clienti esterni nella divisione operativa Enterprise Customers è diminuito rispetto all’anno precedente del 2,2% a 1.185 milioni di FRanchi (-0,7% nel secondo trimestre). La cifra d’affari conseguita con i servizi di telecomunicazione è regredita del 2,8% soprattutto a causa dei prezzi.

Il fatturato archiviato nel settore delle soluzioni è rimasto stabile nel raffronto annuo (-0,9%) ma è aumentato nel secondo trimestre di 10 milioni di Franchi (+3,8%). Swisscom è riuscita a conquistare diversi clienti commerciali di prestigio per i quali attua strategie incentrate su cloud, digitalizzazione e outsourcing.

Nel comparto dei servizi di telecomunicazione, Swisscom è confrontata con un’accesa pressione sui prezzi, ma è riuscita ad aggiudicarsi circa tre quarti di tutte le gare d’appalto. A giugno Urs Lehner ha assunto la conduzione della divisione operativa Enterprise Customers. Intende potenziare ulteriormente il settore delle soluzioni e al contempo portare avanti l’orientamento verso la digitalizzazione e i nuovi ambiti di crescita.

fonte: comunicato stampa


Telefonia.Today è ora anche su Facebook, Twitter e Google+, unisciti anche tu oppure condividi questo articolo!