Vodafone lancia Giga Network: fino ad 1 Gbps su rete 4.5G


Vodafone ha presentato oggi a Milano Giga Network 4.5G, la nuova rete mobile che anticipa il 5G e supera la soglia di 1 Gigabit al secondo.

4.5G Vodafone

La rete Giga Network si avvale delle tecnologie più evolute per ottimizzare e adattare performance, velocità e coperture alle esigenze e ai flussi di traffico dei clienti.

La rete 4.5G di Vodafone è in continua crescita e da ottobre è disponibile ad 1 Gbps in 17 città (Roma, Milano, Napoli, Palermo, Genova, Torino, Novara, Brescia, Bologna, Vicenza, Ancona, Firenze, Livorno, Taranto, Salerno, Agrigento e Catania).

L’obiettivo è di arrivare entro l’anno a 23 città coperte. Inoltre, da Novembre e per il momento solo in due città italiane, la rete 4.5G permetterà velocità di oltre 1 Gbps.

Giga Network 4.5G è la nuova generazione di rete di Vodafone, una combinazione dei più moderni apparati e delle più innovative soluzioni digitali che si avvale delle tecnologie più evolute.

VoLTE (Voice over Long Term Evolution): disponibile su scala nazionale – consente di effettuare chiamate e contemporaneamente navigare su rete 4G e 4.5G, assicurando tempi ridotti di set up della chiamata, insieme ad una elevata qualità della voce;

MIMO (Multiple Input Multiple Output): i segnali vengono trasmessi dalla rete e ricevuti dai terminali su 4 antenne, permettendo di raddoppiare la capacità e la velocità di trasmissione;

Carrier Aggregation: gli apparati di rete combinano più frequenze all’interno di una stessa connessione e permettono di offrire velocità più elevate;

Narrowband IoT: da ottobre disponibile su tutto il territorio nazionale, Vodafone raddoppierà la copertura europea entro il 2019. Rappresenta il primo passo nell’introduzione della tecnologia 5G e permette di incrementare esponenzialmente il numero di oggetti connessi in rete, garantendo una copertura pervasiva e maggiore efficienza energetica.

 


Non perderti le notizie e le novità pubblicate su Telefonia.Today, attiva le nostre notifiche gratuite su Telegram e seguici (o condividi questo articolo) su Facebook, Twitter e Google+