Wind Tre ora è 100% cinese. Nuove offerte commerciali in arrivo


L’alleanza tra i cinesi di H3G e i russi di Vimpelcom in Wind Tre è durata giusto un anno, ora il gestore parla 100% cinese, grazie ai 2.45 miliardi di euro sborsati da Ck Hutchison per acquisire il 50% non ancora in suo possesso.

Wind Tre

I russi escono definitivamente da Wind Tre e ora, che l’operatore sarà gestito da un’unica proprietà, senza più divergenze tra “soci in affari”, sarà anche più facile prendere decisioni più rapide.

Con l’acquisizione del 100% di Wind Tre, Ck Hutchison “garantirà forti guadagni per gli anni a venire, incrementando l’utile per azione e rappresentando un eccellente valore per gli azionisti”.

Veon (Vimpelcom) invece, ha dichiarato di aver venduto il suo 50% con l’obiettivo di ridurre significativamente il debito. Inoltre utilizzerà i proventi della vendita per acquistare gli asset di Global Telecom Holding in Pakistan e Bangladesh.

In un messaggio inviato ieri ai dipendenti, per spiegare la situazione, l’ad di Wind Tre Jeffrey Hedberg (in quota socio russo), ha parlato di fiducia da parte di Hutchison nel management della società. Quindi al momento non sono previsti cambi al vertice.

La chiusura dell’accordo è previsto nel terzo trimestre del 2018 e dovrà avere l’ok delle autorità competenti. Per Wind Tre sono già in cantiere nuove offerte commerciali e, secondo le ultime indiscrezioni, il brand 3 potrebbe diventare quello principale e quello Wind utilizzato per presidiare il low cost.


Non perderti le notizie e le novità pubblicate su Telefonia.Today, attiva le nostre notifiche gratuite su Telegram e seguici (o condividi questo articolo) su Facebook, Twitter e Google+

Dicci la tua o Rispondi ad un commento...